Phuket e le isole del mare delle Andamane

La parte orientale dell’Oceano Indiano – compresa tra le isole Andamane, il Myanmar del Sud e la costa occidentale della Thailandia – ospita Phuket e le Phi Phi Islands, le isole più spettacolari e conosciute del Regno del Siam. Le isole della costa thailandese sono perfette per lo snorkeling: i loro mari sono abitati da una moltitudine di specie animali che renderanno la tua visita al mondo sottomarino un’esperienza emozionante, e di sicuro impatto.
La zona è stata colpita duramente dallo tsunami nell’Oceano Indiano del 2004 ma, ad oggi, è completamente recuperata; siamo sicuri che visitare Phuket e le isole del mare delle Andamane ti lascerà incantato dalla bellezza della loro natura rigogliosa. Sulle isole non mancano strutture e le attrazioni presenti renderanno il tuo soggiorno accogliente, piacevole e spassoso.
Insomma, le tue vacanze in Thailandia non possono dirsi complete senza una visita a Phuket e alle isole del mare delle Andamane.

isole del mare delle andamane

ATTIVITÀ DA NON PERDERE

Snorkeling a Bamboo Island, fare festa sulla spiaggia di Patong a Phuket, tour delle baie e lagune nascoste delle isole Phi Phi

COSA VEDERE

Big Buddha a Phuket
Phile Lagoon
Wang Long Bay

VACANZE IN THAILANDIA CONSIGLIA

Immersioni a Similan islands, il mercato notturno di Phuket, vista panoramica di Phi Phi Don dal View Point

spiagge e vita notturna

Phuket – La perla del Sud

Phuket, l’isola più grande e famosa della Thailandia, ha guadagnato la sua fama grazie alle sue spiagge paradisiache e all’atmosfera rilassata. Il relax all’insegna dell’ozio in spiaggia è affiancato da strutture di alto livello e da un’ampia gamma di attrazioni.
Qualsiasi sia la tua idea di vacanza – improntata al divertimento notturno o alla tintarella diurna, incentrata sulla cultura o sul buon cibo, dall’anima bohemien o dallo spirito tranquillo – Phuket saprà soddisfare le tue aspettative.

Le spiagge migliori di Phuket

Phuket presenta innumerevoli spiagge dalle caratteristiche disparate: da quelle semi deserte dove godersi il sole in totale relax a quelle perfette per chi cerca party e musica dal vivo, litorali adatti alla famiglia con spazio e attività per i più piccoli come Kamala beach, o break ideali per il surf e gli sport acquatici come Kalim.
Andiamo quindi a elencare quelle che, secondo noi, sono le migliori spiagge di Phuket:

Patong Beach

Phukte - Patong beach

La più famosa, trendy e dall’animo giovane e “ribelle”. Fulcro della vita notturna dell’isola e dello spirito festaiolo che la contraddistingue. Merita una visita anche se non hai intenzione di far baldoria.

Freedom Beach

Phuket - Freedom Beach

A pochi minuti da Patong, il suo essere difficilmente raggiungibile la rende calma e silenziosa. Selvaggia e dal mare turchese, è un sogno divenuto realtà nascosto tra le palme.

Paradise Beach

Il nome non lascia spazio all’immaginazione. Un paradiso tropicale di sabbia bianca e acqua cristallina. L’accesso è regolato da un ticket di ingresso che comprende vari servizi come toilette e shuttle bus.

Karon Beach

Karon beach_Phuket

Lunga spiaggia adatta alle famiglie con bambini. Alcuni tra i migliori resort dell’isola sorgono lungo il litorale, rendendola ideale per chi non vuole girovagare troppo.

Mai Khao Beach

spiaggia a Phuket

11 chilometri di costa dorata a Nord dell’aeroporto. La nostra scelta quando vogliamo stare da soli a contemplare l’infinità dell’oceano.

Bang Tao Beach

Resort Phuket

La zona più esclusiva di Phuket. I resort di lusso e il campo da golf ne fanno un’ottima scelta per chi sceglie di fare una vacanza a 5 stelle.

Cosa vedere a Phuket – altri luoghi di interesse

Phuket non è solo mare e spiagge. La parte vecchia di Phuket Town, per esempio, merita decisamente una visita. Le sue caratteristiche case in stile sino-portoghese color pastello ricordano Georgetown in Malesia o la vecchia Singapore. La pittoresca torre dell’orologio e, soprattutto, la Chinpracha House ti faranno tornare indietro nel tempo, a quando l’isola era un importante porto di scambio e cinesi e portoghesi facevano affari con il commercio dello stagno.

Tempio cinese a Koh Samui
Se, come noi, sei un amante dello street food thailandese, non perderti il mercato notturno nel week end: centinaia di bancarelle tra cui scegliere autentico cibo tradizionale e, perchè no, qualche souvenir da portare a casa.
L’architettura religiosa non può mancare e il Wat Chalong è l’esempio più significativo dell’isola. Costruito nel 1830, ti saprà affascinare con i suoi affreschi colorati e le statue scolpite nei minimi dettagli. I giardini curati del tempio sono il luogo perfetto per una passeggiata pomeridiana.
Se invece preferisci i panorami, ti raccomandiamo due luoghi che ti lasceranno senza fiato per la vista che offrono:
Il Big Buddha è una statua, ricoperta in marmo bianco, alta ben 54 metri e si trova sulla collina Nakkerd. Oltre a osservare la maestosità della scultura, dalla terrazza panoramica avrai una visuale completa e irresistibile della baia di Chalong.
All’estremo sud dell’isola si trova invece il Promthep Cape: una piccola lingua di rocce che si protende nel mare. Di fronte a te si spalanca l’oceano Indiano in tutta la sua placida immensità. L’ora del tramonto saprà donarti emozioni indescrivibili.
La punta sud di Phuket
Phuket è rinomata, a livello mondiale, per la sua vita notturna. Una volta calato il sole, Bangla road viene chiusa al traffico, le insegne al neon dei suoi bar si accendono, la musica delle discoteche riempie l’aria e la strada, con le vie limitrofe – dette soi -, si trasforma in un party all’aperto. Non importa quale drink preferisci o di quale genere musicale tu sia appassionato, troverai sicuramente la possibilità di divertirti. Non indugiare, lasciati travolgere dalle danze e fai mattino tra i locali di Phuket.
Tempio cinese a Koh Samui

Curiosità

L’antico nome di Phuket era Ujang Salang che, in lingua malese, significa ”penisola dei Salang”, il nome con cui venivano chiamati i Moken, gli “zingari del mare”.
Gli appartenenti a questa etnia sono talmente abili nelle immersioni in apnea che riescono a raggiungere i 20 metri di profondità e, inoltre, l’università di Lund in Svezia, ha osservato che la visibilità subacquea dei bambini moken è doppia rispetto a quella dei bambini europei.

baie nascoste

Phi Phi Islands – bellissime protagoniste

Se hai sentito parlare di Thailandia, avrai sicuramente sentito parlare delle Phi Phi Islands. Questo arcipelago di isole ha conquistato la ribalta internazionale dopo che il film “The Beach” è stato girato tra le sue baie.
Purtroppo Maya Bay – la baia protagonista del film – è diventata enormemente popolare, e il continuo traffico di barche ha messo in serio pericolo il suo fragile ecosistema. Per questo motivo, dal 2017, il governo thailandese ha deciso di chiudere a tempo indeterminato la baia, in modo da permettere alla natura di rigenerarsi.
Le isole vicino Koh Samui

Cosa vedere alle Phi Phi Islands

Vediamo, dunque, quali sono le isole che formano l’arcipelago e le caratteristiche che le rendono uniche.

Phi Phi Don è la principale. Un istmo collega due grandi formazioni rocciose allungate, donandole la curiosa forma ad H.
Su questa lingua di terreno si trova il villaggio di Tonsai – il cuore pulsante dell’isola – qui si trovano guest house, hotel, resort, ristoranti, bancarelle di souvenir, locali notturni. La sera ospita diversi beach party ed è qui che si approda con le barche e i traghetti provenienti da Phuket o da Krabi.
TonSai Bay nel mare delle Andamane

Un piccolo sentiero ti porterà, in circa 30 minuti, al view point, il punto panoramico da cui poter ammirare la meraviglia paesaggistica dell’isola di Phi Phi Don. Lo spettacolo, specialmente al tramonto, è incantevole: il sole, prima di scomparire all’orizzonte, tinge di rosso le due baie simmetriche dal mare azzurrissimo e le alte formazioni di roccia calcarea, ricoperte di lussureggiante vegetazione, che le sovrastano. Un’immagine che resterà indelebile nella tua memoria.
Le scogliere a picco sull’oceano nascondono spiagge e baie incantevoli, come la tranquilla Long Beach e il suo shark point in cui poter ammirare gli squali pinna bianca, o come Loh Ba Kao Beach dalla lunga spiaggia bianca su cui rilassarsi. Laem Thong è perfetta per nuotare in quanto poco soggetta alle maree, mentre a Rantee Bay potrai prendere la tintarella al riparo delle palme da cocco. Wang Long Bay merita decisamente una visita: questa piccolissima baia incastonata tra le rocce nasconde un mare cristallino ricchissimo di pesci tropicali, e il fascino selvaggio che solo i libri d’avventura con storie di pirati e bottini nascosti riescono a trasmetterci.

Phi Phi Lee è la seconda maggiore isola del piccolo arcipelago. Come abbiamo detto, Maya Bay non e più visitabile, ma questo piccolo gioiello nel Mare delle Andamane ci riserva altre sorprese come Phile lagoon: una laguna dal mare meravigliosamente trasparente circondata dalle alte scogliere calcaree ricoperte di rigogliosa vegetazione, o come l’affascinante e caratteristica Viking cave – una grotta scavata dal mare -, al cui interno sono state scoperte delle pitture rupestri raffiguranti delle barche che ricordano quelle degli antichi vichinghi. La grotta é un luogo di nidificazione delle rondini, per cui è molto famosa per l’apprezzato ingrediente che se ne ricava: i nidi di rondine tanto amati dai cinesi.
Phi Phi Lee
Tra le isole minori dell’arcipelago una menzione va fatta per Bamboo Island, il suo mare turchese e, soprattutto, la sua vita sottomarina ti lasceranno così incantato che difficilmente avrai voglia di risalire in barca per tornare in hotel, te lo garantiamo.
isola del mare delle andamane

parco nazionale protetto

Similan Island – Il paradiso protetto

Le Similan islands, per gli appassionati di diving, sono uno spot rinomato: preparati a scoprire una delle migliori destinazioni al mondo per le immersioni.
Il nome deriva dal malese “sembilan” che significa nove; questo, infatti, è il numero di isole che formano l’arcipelago. Rientrano tutte nel parco marino nazionale Mu Ko Similan National Park, ma solo sei di esse sono visitabili. Le rimanenti sono protette da un progetto di salvaguardia delle tartarughe marine.
immersioni nel mare delle Andamane
Per proteggere l’ecosistema, inoltre, le poche strutture presenti sull’isola maggiore – Ko Similan – sono state abbattute ed è vietata la pesca. Inoltre, periodicamente, alcune isole vengono chiuse per permettere alla natura di rigenerarsi.
Questo impegno, da parte del governo thailandese, fa sì che l’arcipelago custodisca uno degli ecosistemi marini migliori del mondo. La barriera corallina è rigogliosa e pullulante di vita: tra le enormi rocce levigate dalle onde nuotano pesci balestra coloratissimi, barracuda, leggiadri pesci farfalla, oltre agli anemoni di mare e i pesci pagliaccio loro inquilini. Non è raro incontrare tartarughe marine e, lontano dalla barriera, squali balena.
Insomma, le Similan Islands sapranno stupirti a ogni immersione e, anche solo facendo snorkeling, verrai rapito dall’attività subacquea e dai colori che il mondo sottomarino nasconde.
Phuket e mare delle Andamane

Phuket, Phi Phi Islands e mare delle Andamane – quando andare

Il periodo migliore per andare a Phuket, alle Phi Phi e alle Similan islands è durante la stagione secca, il periodo con meno piogge che va da dicembre a marzo.
Aprile e maggio sono mesi pre monsonici, quindi l’umidità aumenta facendo crescere le temperature – che possono arrivare a 40 gradi – e rendendo probabile alcune precipitazioni.
Durante il periodo delle piogge, da giugno a novembre, le isole Similan sono chiuse ai visitatori; le precipitazioni rendono sconsigliabile visitare le Phi Phi islands e Phuket, anche perché le correnti marine cambiano ed il mare si ingrossa.
Phuket e Andamane - quando andare

Come arrivare a Phuket, Phi Phi Islands e il mare delle Andamane

Phuket è servita dal secondo aeroporto più trafficato della Thailandia, quindi non avrai difficoltà ad arrivare sull’isola in aereo. Sia che tu provenga direttamente dall’Italia, sia che tu provenga da Bangkok o dalle nazioni limitrofe del Sud-Est Asiatico, le compagnie aeree che servono l’aeroporto di Phuket sono tantissime, dalle più famose come Emirates e Singapore airlines alle Low Cost come AirAsia. L’italiana NeosAir effettua un volo stagionele diretto da Milano.
come arrivare a Phuket
Se ti trovi a Bangkok e vuoi raggiungere Phuket via terra, puoi farlo! Il ponte Sarasin, infatti,collega l’isola alla terraferma e avrai a disposizione due alternative: treno o bus. Noi, però, non consigliamo la tratta via terra, in quanto prevede tante ore di tragitto e la comodità non è certo il punto di forza del viaggio. Con i servizi offerti dalle compagnie aeree low cost, inoltre, anche il vantaggio economico di un viaggio via terra viene a mancare.
treno per phuket

Come arrivare alle Phi Phi Islands

Da Phuket puoi raggiungere le Phi Phi Islands in circa due ore di traversata via mare. Sono molti i traghetti e le barche veloci che partono dal porto Rassada, con partenze concentrate nel mattino fino al primo pomeriggio.
Anche da Krabi partono barche giornaliere dal porto Klong Jirad. In circa 90 minuti di viaggio, sarai nella baia di Tonsai.

Come arrivare alle Similan Islands

Per raggiungere queste meravigliose isole non ci sono traghetti pubblici, questa mancanza è dovuta alla scelta di preservare il più possibile l’ecosistema unico delle Similan. Puoi comunque raggiungerle con escursioni in giornata da Phuket. Tanti sono i tour operator che offrono questo servizio e, siamo certi, non avrai problemi a trovarne uno.

barca per mare Andamane

Consigli utili

Noi consigliamo di non soggiornare alle Phi Phi in quanto le strutture di accoglienza non sempre sono all’altezza della spesa affrontata. Dopo lo tsunami del 2004 le attrezzature sull’isola sono state ricostruite e, a meno di non soggiornare in resort a 5 stelle dai prezzi vertiginosi, le guest house non rispettano del tutto gli standard a cui siamo abituati. Meglio visitare le Phi Phi islands con escursioni giornaliere da Phuket o da Krabi che affrontare disguidi che possono compromettere la vacanza e, magari, lasciare un brutto ricordo; cosa che queste isole non meritano.
Come sempre, quando si parla di barriera corallina, ripetiamo il nostro invito a non toccare i coralli. La regola aurea delle immersioni e dello snorkeling è “guardare ma non toccare”. Anche se può sembrare insignificante, il corallo impiega decine, se non centinaia, di anni nel crescere. Rispetto prima di tutto.
Non dimenticare la crema solare waterproof ad alta protezione ed evita il più possibile l’uso di buste e bottiglie di plastica. Le tartarughe marine che incontrerai durante le tue nuotate ti ringrazieranno.
Siamo sicuri che le isole del mare delle Andamane sapranno meravigliarti con la loro bellezza e la loro natura selvaggia, e che Phuket saprà coinvolgerti nei suoi party facendo, delle tue vacanze in Thailandia, un piacevole ricordo e una straordinaria esperienza.

Oggi andiamo a…

Costruisci il tuo viaggio su misura, scegliendo fra le tante mete imperdibili di questa fantastica terra. Non sai dove andare? Segui le tue passioni: leggi le nostre guide tematiche di approfondimento.