Thailandia del Nord – i templi e la natura del triangolo d’oro

Negli ultimi anni i panorami della Thailandia del Nord hanno affiancato le bianche spiagge delle isole del sud tra le immagini rappresentative del Paese.
I ritmi lenti e rilassati delle campagne di Chiang Mai e Chiang Rai fanno da contraltare ai divertimenti sfrenati di città come Bangkok e Pattaya. Questo rende la Thailandia – Paese già al top tra le destinazioni di viaggio nel Sud-Est Asiatico – una meta ancora più interessante da scoprire.
Caratterizzato dal paesaggio montano e dai numerosi fiumi, tra cui il Mekong che delimita il confine con il Myanmar e il Laos, la Thailandia del Nord era parte integrante del triangolo d’oro, il luogo con la maggiore produzione mondiale di oppio. Anche per questo motivo la zona, fino ad alcuni decenni fa, era poco visitata.

Chiand mai Thailandia del Nord

I tempi però sono cambiati: le piante di caffè e di tè hanno preso il posto del papavero da oppio, e la zona è riuscita a ritagliarsi uno spazio nel mercato turistico internazionale.
Il parco naturale del Doi Inthanon, la più alta montagna della Thailandia, offre un turismo ecosostenibile, in armonia con la natura e focalizzato sulla cultura e la storia dell’antico Regno Lanna, che dominava le maestose montagne e le meravigliose valli scavate dai fiumi.

Passeggiare tra i campi di caffè e la possibilità di cucinare e dormire nelle homestay del villaggio Mae Kampong, ti porterà letteralmente indietro nel tempo, tra contadini indaffarati nelle attività giornaliere e lenti monaci buddisti impegnati nel raccogliere le offerte all’alba.
Se vuoi approfondire la conoscenza di questa affascinante area del Paese, ti invitiamo a seguirci in un ideale percorso della Thailandia del Nord.

ATTIVITÀ DA NON PERDERE

Trekking tra le risaie, cucinare e dormire a contatto con la minoranza etnica Karen

COSA VEDERE

Sukhothai
I mercati di Chiang Mai
Gli stupa bianchi di Lampang

VACANZE IN THAILANDIA CONSIGLIA

Il festival dei fiori a Chiang Mai a febbraio, i migliori addobbi floreali di tutta la Thailandia

Vuoi supporto per pianificare un viaggio in Thailandia?

La capitale culturale

Chiang Mai – Tra mercati colorati e templi brillanti

Le origini di Chiang Mai, capitale culturale, commerciale e religiosa della Thailandia del Nord, risalgono al XIII sec. Il centro storico, dalla caratteristica forma quadrata, è tutt’oggi cinto dalle mura antiche e dal fossato che anticamente le circondava. Anche le storiche porte, rivolte ai quattro punti cardinali, sono intatte e una di queste – la Tha Phae Gate sul lato Est – è un vivace punto di ritrovo cittadino che ogni domenica si anima maggiormente per il Sunday Market. Qui è possibile trovare, tra le svariate opere di artigianato locale, i carinissimi ombrellini parasole in carta prodotti a mano nel vicino villaggio di Bo Sang.

Nel quartiere cinese, invece, si trova il Wararot Market: il luogo idoneo per immergersi completamente nella quotidianità cittadina. Un enorme mercato coperto nel quale la varietà delle merci in vendita, i profumi delle spezie e i colori della frutta esposta sapranno solleticare i tuoi 5 sensi. Le case basse in legno regalano alla centro cittadino un’atmosfera magnifica brulicante di vita e il dedalo di stradine costellate di botteghe artigiane ne svelano la natura artistica. La commistione tra arte religiosa e artigianato è ben dimostrata dal Wat Sri Suphan. Il tempio, infatti, sorge nel quartiere dell’argento ed è interamente ricoperto dal metallo prezioso donato dagli artigiani in segno di devozione.

Altri templi degni di nota sono:

Wat Chiang Man

Il tempio più antico della città, sorge nel luogo in cui il re Chao Mengrai ha soggiornato durante la costruzione di Chiang Mai.
Molto suggestivo è il Chedi degli elefanti, la cui base è arricchita da 15 statue di elefanti a grandezza naturale.

Wat Phrathat Doi Suthep

Secondo la leggenda, un elefante bianco, mentre trasportava una reliquia di Siddhartha Gautama, si inerpicò sulla montagna e dopo aver emesso tre barriti cadde morto al suolo. In quel luogo è stato eretto il tempio che contiene tuttora il resto sacro; sorge sul monte Doi Suthep che domina Chiang Mai a circa 15km dalla città e dalla sua terrazza panoramica si ha una visuale mozzafiato della capitale regionale.

Wat Chedi Luang

tempio Chiang Mai
Imponente tempio risalente al 1401, nel XVI sec lo stupa principale è stato danneggiato da un terremoto e non è più stato riparato. Questa “ferita” regala al tempio il fascino tipico dei monumenti che resistono alla furia della natura

Vuoi scoprire quali sono i tour di Chiang Mai?

Terra di confine

Chiang Rai – Il triangolo d’oro

Situata più a nord, nella zona montuosa al confine tra Laos e Myanmar, si trova Chiang Rai.
Il re Mangrai fondò la città nel 1262 e da qui potè cominciare la campagna di conquista che portò alla costituzione del regno Lanna.
La posizione strategica e i fiumi che solcano le valli circostanti hanno reso Chiang Rai un centro vitale per il commercio e un crocevia di popoli ed etnie. Dalla città è possibile recarsi al triangolo d’oro, il punto sul Mekong in cui Laos, Myanmar e Thailandia si incontrano, e visitare il museo dell’oppio, dedicato al papavero e alle popolazioni locali che lo coltivavano.
L’area intorno Chiang Rai è il luogo adatto per un massaggio thailandese o un rilassante corso di yoga. Inoltre, attraverso i vari percorsi di trekking disponibili tra i campi di riso e i piccoli villaggi abitati dalle minoranze etniche, potrai goderti appieno i panoramici paesaggi montani e i colori della natura.

Chiang Rai - triangolo d'oro

Chiang Rai è costellata di templi:
– Wat Phra Kaeo: importantissimo tempio in cui nel 1434 fu rinvenuto il Buddha di Smeraldo, una statua di 45 cm in giada ad oggi conservata nel tempio Wat Phra Kaew di Bangkok.
– Wat Rong Khun: il famoso tempio bianco, la Sagrada Familia di Thailandia. Eretto completamente in gesso bianco, è un progetto del visionario artista locale Chalermchai Kositpipat. I lavori di costruzione sono iniziati nel 1997 e sono ancora in corso. Particolarissimo nel suo genere, merita senz’altro una visita.

Chiang Rai - tempio bianco

Curiosità

Sapevi che la Thailandia del Nord è il luogo di nascita del riso Jasmine?
La parte settentrionale della Thailandia, anticamente, era occupata dal regno Lanna, letteralmente “un milione di campi di riso”. Tra questi campi è  stata coltivata per la prima volta la rinomata e profumata varietà di riso premiata nel 2017 come “migliore del mondo” durante la conferenza mondiale del riso tenutasi a Macao.

Thailandia del Nord - riso

Paesaggio da favola

Lampang – Al di sopra delle nuvole

Lampang è una cittadina distante circa 2 ore da Chiang Mai. Qui ha sede il Wat Phra That Lampang Luang, letteralmente il “Tempio di Lampang con la grande reliquia”. Tra le sue imponenti mura, che ne fanno un classico esempio di tempio fortificato, viene conservato uno dei capelli del Buddha. Secondo la leggenda fu il Buddha stesso a donarlo alla città. Per questo motivo, il Wat Phra That Lampang Luang è uno dei complessi religiosi più venerati di tutta la nazione.

Poco fuori la città sorge il Wat Chalermprakiat: la cima frastagliata della montagna è puntellata da piccoli candidi stupa. Raggiungere la vetta sarà un percorso faticoso, 45 minuti e 400 metri di dislivello, ma il panorama, una volta in cima, vale la fatica fatta. Le pagode bianche si stagliano contro il cielo azzurro sopra il livello delle nuvole, un paesaggio fiabesco dal silenzio surreale interrotto solo dalle campanelle dei monaci in preghiera. La vista a 360 gradi sulla valle sottostante toglie il fiato.
Di ritorno dal tempio noi non ci facciamo mai mancare un piatto di Kuai Tiao Lampang: un’ottima zuppa di noodles e polpette di carne tipica della zona. Non perdere l’occasione di assaggiarlo, recuperare le energie avrà più gusto.
templi cosa vedere a Lampang

Vuoi visitare i dintorni di Lampang in treno?

Patrimonio UNESCO

Sukhothai – Tra arte e storia Thai

Sukhothai, letteralmente “alba di felicità”, è stata la capitale del regno omonimo, embrione di quello thailandese. Le incisioni sulla “Stele di Ramkamphaeng” ritrovata proprio a Sukhothai sono alla base dell’alfabeto della lingua thai.
Con tale “curriculum” storico non stupisce il fatto che il parco archeologico cittadino sia patrimonio dell’umanità UNESCO dal 1991.
Il parco occupa una superficie di 70 km quadrati e ospita ben 193 siti di interesse storico, una tappa imperdibile per gli amanti della storia e per chi vuole “toccare con mano” l’arte thailandese.

Il Wat Mahthat Sukhothai, ovvero “il tempio della grande reliquia”, con il grande stupa centrale e le due imponenti statue del Buddha ai lati o il Wat Sri Sawai dallo stile Khmer, ti lasceranno a bocca aperta.
Passeggia nella “città giardino” e lasciati ammaliare dai suoi laghetti punteggiati dai fiori di loto come quello su cui sorge il Wat Sa Si, ammira il simbolismo religioso del Wat Sorasak e dal suo chedi degli elefanti, stupisciti della maestosità del Wat Si Chum e della sua statua raffigurante il Buddha alta 15 metri.
E se tutto questo non dovesse bastarti, il secondo parco archeologico patrimonio dell’Unesco, il sito della “città delle brave persone” Si Satchanalai, ti aspetta a pochi km di distanza con le sue influenze Khmer e il suo museo nazionale contenente le raffinate porcellane Sawankhalok.

sukhothai  la Thailandia del Nord

Thailandia del Nord – quando andare

La Thailandia del Nord ha due stagioni ben distinte, la stagione delle piogge da maggio ad ottobre e la stagione secca da novembre ad aprile. Marzo, aprile e maggio sono i mesi più caldi con temperature che possono raggiungere i 40 gradi.
Le piogge non sono a carattere monsonico, non durano giorni interi, si tratta principalmente di acquazzoni tropicali. Durante questa stagione, però, il verde dei campi è surreale, vivissimo, il periodo ideale per gli amanti del trekking.
Durante l’anno Chiang Mai è sede di eventi imperdibili: a febbraio puoi assistere al festival dei fiori con i migliori addobbi floreali provenienti da tutta la provincia: uno spettacolo di colori e profumi. Novembre, invece, è il mese in cui si tiene il festival delle lanterne, festa molto sentita dalla popolazione e da un impatto scenico notevole.

periodo migliore Thailandia del nord

Thailandia del Nord – come arrivare

Raggiungere la Thailandia del Nord da Bangkok è possibile in vari modi: treno, bus o aereo. Sconsigliamo il viaggio in auto perchè la distanza da percorrere è tanta e le strade possono essere pericolose per chi non è abituato a guidare con gli “standard” asiatici.

Da Bangkok, in aereo, si raggiungono Chiang Mai e Chiang Rai in circa un’ora di volo, le compagnie aeree che prestano servizio su queste tratte sono svariate e i voli frequenti, di conseguenza i prezzi sono contenuti e non è difficile trovare un posto disponibile.
Il treno è l’alternativa “panoramica” all’aereo. Il tragitto dura dalle 12 alle 15 ore a seconda delle fermate. Dalla stazione Hua Lamphong di Bangkok partono 6 treni al giorno e i prezzi variano a seconda della classe scelta. Suggeriamo di prenotare il treno in anticipo perchè i posti disponibili possono essere limitati.
Il bus è la scelta economica ma meno confortevole. Dalla stazione Mo Chit di Bangkok partono pullman diretti a Chiang Mai ogni ora, il viaggio dura all’incirca 11 ore. Se dovessi scegliere questa opzione, il nostro consiglio è quello di viaggiare con i bus VIP dotati di un livello di comfort più alto.

Vuoi supporto per organizzare le tue vacanze in Thailandia del nord?

Consigli utili per visitare la Thailandia del Nord

La Thailandia del Nord riserva molte attrazioni storico culturali, fatti accompagnare da una guida che sappia spiegare le particolarità dell’arte e della cultura in dettaglio, ancor meglio una guida parlante italiano.
Le montagne hanno altezze significative, il Doi Inthanon supera i 2500 metri: tra novembre e febbraio può fare molto freddo, parti preparato. I percorsi di trekking sono affrontabili da chiunque, ricordati però, le scarpe adatte.
Osserva sempre quello che ti circonda con la curiosità di un bambino, sii sempre aperto al nuovo e all’inconsueto, così potrai goderti a pieno la tua vacanza in Thailandia del Nord.

Oggi andiamo a…

Costruisci il tuo viaggio su misura, scegliendo fra le tante mete imperdibili di questa fantastica terra. Non sai dove andare? Segui le tue passioni: leggi le nostre guide tematiche di approfondimento.