Ognuno di noi ha un modo diverso per organizzare la propria vacanza e l’approccio al viaggio rispecchia quasi sempre il proprio carattere. C’è chi si lascia guidare dall’istinto e chi pianifica tutto in ogni dettaglio, chi non vuole perdersi nulla – saltando da un’attrazione all’altra con l’entusiasmo di un bambino in un parco giochi – e chi preferisce soffermarsi sui dettagli come un cuoco alla ricerca della ricetta perfetta.

Ci sono però delle informazioni pratiche di cui tutti hanno bisogno: che tipo di visto serve per visitare la meta prescelta, qual è la valuta in corso, come comportarsi all’interno di una società che non si conosce.
Per questo motivo abbiamo deciso di racchiudere in un unico articolo tutti i consigli che, secondo noi, possono essere utili per le tue vacanze in Thailandia – siano esse votate all’avventura o programmate in ogni singolo dettaglio -.

Visto d’ingresso in Thailandia – Quello che c’è da sapere

I cittadini italiani non hanno bisogno di richiedere il visto di entrata in Thailandia all’ambasciata o al consolato: gli accordi tra i due Paesi prevedono che si possa soggiornare nel “Paese del sorriso” per 30 giorni, previo arrivo per via aerea.

Qualora si arrivasse in Thailandia via terra da Laos, Cambogia o Malesia, il soggiorno non può superare i 15 giorni.
Il passaporto, inoltre, deve avere una validità residua di almeno 6 mesi.
C’è la possibilità di trattenersi in Thailandia per più di 30 giorni ma, in questo caso, va richiesto un visto adatto presso l’ambasciata Thailandese in Italia.
In questo momento storico, caratterizzato dalla pandemia di Covid19 e da limitazioni agli spostamenti, nel Paese può accedere solo chi è in possesso dei requisiti specifici di cui abbiamo parlato nel nostro articolo di blog dedicato alla riapertura della Thailandia.

visto thailandia

Vaccini e assicurazione di viaggio – Consigli sulla sanità in Thailandia

Per poter accedere in Thailandia non è richiesta alcuna vaccinazione particolare. Il rischio di contrarre la malaria è molto raro e limitato ad alcune zone rurali, specialmente durante la stagione delle piogge: un buon repellente antizanzare previene il rischio di contrarre questa malattia o altre infezioni trasmesse dai piccoli insetti come la Dengue. Il servizio sanitario thailandese, inoltre, è uno dei migliori del mondo, la rivista CEOWorld lo posiziona al 6 posto, appena sopra paesi come Spagna e Francia.
Al contrario dell’Italia, però, i servizi sanitari sono a pagamento, perciò ti consigliamo vivamente di stipulare una buona assicurazione sanitaria prima di intraprendere il viaggio in modo tale da essere sicuro che, nel malaugurato caso di incidente, i costi siano coperti. A seguito delle restrizioni per la pandemia di Covid-19 il governo thailandese richiede obbligatoriamente, per l’accesso al paese, l’assicurazione.

Valuta – Quanto costa viaggiare in Thailandia

La valuta thailandese è il Baht (THB) e, nel 2020, il suo valore si è attestato intorno a 0,027 Euro. Il cambio vantaggioso rende la Thailandia uno dei Paesi più economici del Sud-Est Asiatico: 100THB (circa 2,5€), per esempio, sono sufficienti per un pranzo a base di riso fritto al pesce e acqua in un ristorante locale, e con 200THB potrai ritrovare i sapori italiani con una gustosa pizza margherita.
Le agenzie di cambio – disseminate per la capitale, negli aeroporti e in tutte le maggiori località turistiche – sono molto affidabili in quanto gestite direttamente dalle banche, non si corre quindi il rischio di eventuali truffe.

Gli ATM (Automated Teller Machine, sportello automatico bancario) sono numerosi, non avrai quindi difficoltà a prelevare direttamente in valuta locale. Fai molta attenzione ad avvisare la tua banca prima di partire: in questo modo potranno sbloccare la tua carta per le operazioni all’estero. Il nostro consiglio è quello di farsi fornire anche un numero di emergenza internazionale per qualsiasi evenienza.

valuta Thailandia

Consigli su cosa mettere in valigia

Cosa mettere in valigia per un viaggio in Thailandia dipende molto da quali zone hai deciso di visitare; il nord montagnoso necessita qualche capo più pesante rispetto al sud e alle isole. Per aiutarti nella scelta dell’essenziale, abbiamo stilato una piccola lista di cose che non possono mancare nel tuo bagaglio per una vacanza senza imprevisti:

Vestiti lunghi di cotone o lino. L’ingresso ai templi è regolato da un dress code specifico – non si può accedere a gambe e spalle scoperte – e inoltre i capi in materiali naturali sono adatti al clima caldo del Paese, e proteggono dalle eventuali punture di insetti.
Pashmina. Importante e comoda per proteggere la gola nei repentini sbalzi termici all’ingresso e all’uscita dalla metro, o dai centri commerciali dove l’aria condizionata rasenta temperature “siberiane”.
Scarpe comode. Il trekking tra i campi di riso nei dintorni di Chiang Mai o le passeggiate per le vie di Bangkok possono mettere a dura prova i tuoi piedi: meglio partire preparati.
Felpa. Nonostante la Thailandia sia un Paese tropicale la sera, soprattutto al nord, può rinfrescarsi e quindi, come consigliano le mamme a tutte le latitudini, meglio essere previdenti.

valuta Thailandia

Adattatore presa elettrica. È sempre conveniente avere un adattatore in valigia per poter ricaricare i propri gadget elettronici, qualsiasi sia la presa a disposizione.
Sacchi impermeabili. Ti capiterà senz’altro di incontrare dell’acqua sul tuo cammino; meglio tenere all’asciutto gli oggetti personali, nel caso dovessi prendere una barca per le isole o imbatterti in una cascata durante il trekking nella giungla.
Spray antizanzare. Le punture di insetti vari possono essere molto fastidiose soprattutto nei dintorni di risaie o durante il periodo delle piogge.
Cappello. Ricordati che più sei vicino all’equatore più i raggi del sole sono perpendicolari al terreno, l’insolazione è più probabile di quanto immagini.. proteggiti.
Cellulare di backup. Per non rischiare di rimanere offline ti suggeriamo di portare un cellulare di riserva backup in cui inserire una sim di un gestore locale. Così facendo potrai avere accesso ad internet ed utilizzare il cellulare come hotspot a cui collegare tutti i tuoi eventuali dispositivi mobili.

consigli thailandia

Consigli finali – come comportarsi in Thailandia

Questo piccolo vademecum di suggerimenti vuole essere un piccolo bagaglio a mano da portare in vacanza, un promemoria per non rischiare di trovarsi impreparati.
La parte più consistente dovrà essere la tua curiosità e la tua voglia di esplorare e imparare dalle esperienze.
Ti ricordiamo inoltre – ma siamo sicuri che non c’è bisogno di sottolinearlo – di visitare il Paese con il massimo rispetto;a questo proposito vorremmo suggerirti alcune regole comportamentali che è bene tenere a mente:

– i tatuaggi con immagini del Buddha non sono visti di buon occhio, se dovessi averne meglio coprirli, soprattutto nei templi.
– evita di toccare la testa di altre persone: un gesto per noi affettuoso – come può essere quello di accarezzare il capo di un bambino – può risultare sgradito in quanto la testa; per i thailandesi si tratta delladelèla parte più sacra del corpo.
– Parlare male del Re è un crimine.
valuta Thailandia
Adesso è giunto il momento di chiudere la valigia o lo zaino e partire per la tua indimenticabile vacanza in Thailandia.
Se hai domande a riguardo, o di ritorno dal tuo viaggio hai ulteriori suggerimenti da proporre, lascia un commento nella sezione qui in basso.