La riapertura al turismo della Thailandia è l’incognita più importante in tutto il Sud-Est Asiatico: la data di ripresa è motivo di interesse sia per chi qui vorrebbe viaggiare ma anche per i Paesi vicini. La Thailandia è la nazione più visitata di questa regione dell’Asia e, il suo comportamento riguardo la frontiera, sarà di esempio per gli altri Stati che non esiteranno a seguirne i passi.
riapertura Thailandia

Per questo motivo la Thailandia si sta muovendo con molta cautela e attenzione, puntando su una riapertura in tutta sicurezza. Ne va dell’immagine del Paese come nazione all’avanguardia dal punto di vista ricettivo e, maggiormente, della salute dei propri cittadini.

Com’è la situazione Covid-19 in Thailandia

La Thailandia è uno dei paesi meno colpiti al mondo dalla pandemia. Ad oggi – 5 dicembre – il Paese registra 4072 casi totali e 60 morti. Numeri così bassi si spiegano con un rigido controllo dei casi, il divieto assoluto di assembramenti, la chiusura delle frontiere a partire da Marzo 2020 e le diverse abitudini – non ci si saluta stringendosi la mano e si vive più all’aria aperta -. Inoltre, le temperature mediamente più alte sono meno favorevoli alla comparsa di stati influenzali.

Di conseguenza è immaginabile come la maggiore preoccupazione, da parte del governo , sia quella di non importare contagi dall’esterno. La non riapertura della Thailandia è un diretto effetto di questo timore.
Degna di nota è la campagna atta a contrastare le fake news riguardo la pandemia. Le notizie false non fanno altro che portare confusione nella popolazione e abbassare il livello di attenzione verso il Covid-19, per questo motivo il governo Thailandese, oltre a combatterle, risponde con informazioni chiare e puntuali.

situazione Covid-19 in Thailandia

Chi può viaggiare in Thailandia

Al momento, è possibile viaggiare in Thailandia se si è in possesso di alcuni requisiti: la cittadinanza thailandese, il possesso di un visto lavorativo, il possesso di un visto diplomatico o il trasporto di merci necessarie.

Come spiega l’ambasciata thailandese in Italia, da Ottobre 2020 il governo thailandese ha emesso un visto turistico speciale – STV – per accedere al Paese.
I requisiti per questo visto sono:
 – certificato di idoneità al volo
 – test negativo al covid-19 effettuato nelle 72 ore precedenti alla partenza
 – assicurazione medica obbligatoria con copertura per il Covid-19 e copertura minima di 100.000 USD
conferma della prenotazione di un albergo per la quarantena obbligatoria.
comunicazione agli enti preposti dei luoghi di permanenza e prenotazione obbligatoria anticipata degli stessi.
Inoltre, verrà richiesto di scaricare una app di tracciamento sul proprio smartphone.
Sono autorizzati ad atterrare 3 voli settimanali ognuno con 100 persone a bordo.

In questo video il Tourism Authority of Thailand spiega tutti i dettagli

Quando si potrà viaggiare in Thailandia

Al momento non ci sono previsione sulla riapertura futura delle frontiere. Il governo della Thailandia ha prorogato lo stato di emergenza, dichiarato il 26 marzo scorso, fino al 15 gennaio 2021; ha inoltre approvato una proroga per i visti dei cittadini stranieri presenti nel Paese fino al 31 Gennaio 2021. Si aspettano quindi ulteriori novità, ma non prima di quella data.

Tutti speriamo di poter ricominciare a vivere e viaggiare come eravamo abituati a fare prima di questa pandemia, i progressi dei vaccini in studio e la partenza, in alcune nazioni, con la somministrazione degli stessi, donano nuova linfa all’auspicio di veder finalmente superata questa crisi.
Continua a seguire il nostro blog per rimanere informato sull’evoluzione della situazione in Thailandia.
Presto torneremo a viaggiare e le tue vacanze in Thailandia, dopo tutta questa attesa, saranno ancora più soddisfacenti.